Continuiamo a camminare nell’evoluzione

Recentemente l’embriologia e la genetica sono diventate buone amiche e hanno dato vita a nuove interessantissime discipline come la genetica dello sviluppo e l’Evo-Devo (“Evolution of Development”). Il concetto base è che l’evoluzione degli organismi, e quindi la comparsa di nuovi Phylum, può essere fatta risalire a modifiche genetiche, casuali e più o meno “rivoluzionarie”, dei piani strutturali corporei durante lo sviluppo embrionale o larvale. Il concetto diventerà più chiaro se continuiamo i nostri “passaggi” evolutivi ricordando che siamo partiti dai Poriferi (senza tessuti e con spongocele) e poi siamo giunti agli Cnidari (con due tessuti e con celenteron).

Sea Jelly. Jellyfish are the major non-polyp f...

Sea Jelly. Jellyfish are the major non-polyp form of individuals of the phylum Cnidaria. (Photo credit: mikebaird)

Il terzo passaggio sono organismi con tre tessuti embrionali: tra ectoderma ed endoderma compare il mesoderma, che consente lo sviluppo di tessuti muscolari, apparato circolatorio, escretore e riproduttore, per quanto primitivi. Soprattutto, il celenteron si avvia a diventare una vera cavità digerente grazie ad una apertura anale che si apre all’estremità opposta di quella boccale. In tal modo, il cibo si muove in una sola direzione e i diversi tratti del tubo digerente possono specializzarsi per la digestione e per l’assorbimento dei nutrienti. Questa “direzionalità” dalla bocca all’ano ha due effetti interessanti: il corpo assume una simmetria bilaterale, un asse antero-posteriore separa due lati esattamente speculari, e il punto vicino alla bocca diventa una “testa”, con gli organi di senso e con un sistema nervoso che tende a centralizzarsi e a cefalizzarsi per la ricerca del cibo. I quattro Phylum, che si possono far risalire a questa organizzazione corporea sono Ctenofori, Platelminti, Gnatostomulidi e Nemertei, tutti con un aspetto bizzarro o vermiforme. Alcune forme parassite, ingrandite al microscopio, sono degne di diventare le “star” di un film di fantascienza gremito di voraci mostri alieni. I phylum suddetti sono chiamati complessivamente Parenchimatosi poiché il parenchima, un tessuto lasso con cellule totipotenti derivato dal mesoderma embrionale, occupa tutto lo spazio tra epiderma e gastroderma, sostituendo la mesoglea o Acelomati poiché privi di celoma, ossia di una cavità corporea diversa da quella digerente. Infatti, una variante sul tema dei tre foglietti embrionali (ecto-, meso-, endoderma), aderenti l’uno all’altro che delimitano una sola cavità digerente, è fornita dagli Pseudocelomati. La novità degli Pseudocelomati è la scomparsa del parenchimica e, al suo posto, la comparsa di una seconda cavità corporea, detta pseudoceloma, che separa completamente il tubo digerente (endoderma) dalla parete del corpo (meso- ed ectoderma), che si munisce di cuticola protettiva. Lo pseudoceloma è riempito di liquido e, quindi, funziona da scheletro idrostatico e si sostituisce all’apparato circolatorio. Questi organismi sono raggruppati in varie linee evolutive, ad esempio il Phylum dei Rotiferi e dei Nematodi, presentano forme esteriori simili a quelle dei phylum precedenti, e hanno dimensioni ridotte sebbene mostrino uno sviluppo più omogeneo in senso dorso-ventrale e antero-posteriore.

Tuttavia la modifica strutturale più profonda, che apre agli organismi un ventaglio di numerose possibilità, è la comparsa del celoma.

Annunci

Informazioni su elenacosi

Insegnante di Scienze Naturali (Biologia, Chimica, Geologia, Astronomia) presso la scuola secondaria superiore
Questa voce è stata pubblicata in Biologia marina e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...