Elysia chlorotica, maestra di simbiosi e mimetismo (Simone B. 5B)

L’Elysia chlorotica è un piccolo Gasteropode marino (3-4 cm) che vive nella zona costiera del Nord America; è privo di conchiglia e somiglia, perciò, ad una lumaca. Come tutti i Gasteropodi ha un apparato boccale munito di radula: una specie di nastro dentato che l’animale usa per raschiare le alghe aderenti alle rocce. Fino a qui sembra tutto normale, ma la verde Elysia ha una particolarità: è un animale in grado di eseguire la fotosintesi clorofilliana come se fosse un vegetale. Le alghe ingerite, infatti, non vengono completamente degradate: i loro cloroplasti vengono inglobati in speciali cellule diffuse nel tratto digerente, che è opportunamente ramificato in modo da essere esteso a quasi tutta la superficie corporea dell’animale. Tali cellule preservano gli organuli fotosintetici, che sopravvivono per un certo periodo di tempo e continuano a funzionare come se fossero nella cellula algale originaria. L’Elysia converte il glucosio prodotto dai cloroplasti in galattosio, che poi utilizza per il proprio metabolismo. Tutto quello che deve fare è vivere in acque poco profonde ed esporsi il più possibile alla luce solare. La forma del corpo, allargata e appiattita, espansa mediante pseudopodi ramificati, e la superficie dorsale semitrasparente favoriscono l’attività dei cloroplasti e la fanno sembrare parte integrante del tappeto algale. Una simbiosi davvero estrema, non con un’altra specie vivente, ma addirittura con un organulo intracellulare che fornisce energia, nutrimento e una colorazione mimetica. La sopravvivenza dei cloroplasti nel corpo dell’animale è molto prolungata (fino a dieci mesi), grazie alla integrazione nel proprio genoma di geni algali che sono necessari al funzionamento dell’organulo. Se il trend evolutivo continuasse in tale direzione, l’Elysia potrebbe diventare il primo animale autotrofo.

Rasotto M. B. (2012), La Vita del mare, Il Mulino

Elysia chlorotica

Elysia chlorotica (Photo credit: Wikipedia)

Annunci

Informazioni su elenacosi

Insegnante di Scienze Naturali (Biologia, Chimica, Geologia, Astronomia) presso la scuola secondaria superiore
Questa voce è stata pubblicata in Biologia marina e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...