Identificato il virus killer di stelle marine

I cambiamenti climatici ormai si infiltrano ovunque, perfino nelle epidemie! Comunque, é bene ricordare che i patogeni sono considerati uno dei più potenti agenti della selezione naturale.

OggiScienza

170985394_81a9cb735c_zAMBIENTE – Una misteriosa malattia ha decimato a partire dal giugno 2013 un’enorme quantità di stelle marine sulla costa pacifica nordamericana e ora gli scienziati ne hanno scoperto la causa. Il responsabile è il virus Sea Star Associated Densovirus che ha dato origine alla Sea Star Wasting Disease, ed è stato individuato da un gruppo di microbiologi della Cornell University, grazie agli esemplari conservati nel Museo di Storia Naturale di Los Angeles. Le collezioni biologiche presenti nei musei rappresentano infatti una sorta di album fotografico della vita sulla Terra, e come tali vengono spesso utilizzate per investigare i problemi ambientali. Per fare un esempio, mentre gli addetti alla salute pubblica americana analizzano i livelli di mercurio presenti nei pesci e negli uccelli, i ricercatori nel frattempo studiano i reperti presenti nel musei per stabilire i cambiamenti storici della contaminazione da mercurio. Una tecnica comparativa usata quotidianamente che questa volta…

View original post 237 altre parole

Annunci

Informazioni su elenacosi

Insegnante di Scienze Naturali (Biologia, Chimica, Geologia, Astronomia) presso la scuola secondaria superiore
Questa voce è stata pubblicata in Biologia marina, Ecologia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...