Il MEDITERRANEO: punto caldo ….. di biodiversità

Il Mar Mediterraneo è considerato un punto caldo (hot-spot) di biodiversità, ossia un luogo che ospita una diversità biologica maggiore di quella presente in simili masse d’acqua in altre parti della Terra. Sebbene il Mar Mediterraneo rappresenti solo lo 0,8% in superficie e lo 0,3% in volume di tutta l’acqua marina del pianeta, possiede il 7,5% di tutta la biodiversità marina nota. Inoltre, considerando che probabilmente il numero di specie ignote è ancora elevato, tale percentuale potrebbe aumentare. In generale, possiamo individuare la presenza di specie animali e vegetali di origine atlantica, specie endemiche esclusive del Mediterraneo, specie paleoendemiche (relitti della Tetide), specie neoendemiche (di origine Pliocenica), specie Lessepsiane (entrate attraverso il canale di Suez) e specie cosmopolite.

I motivi di una tale concentrazione di specie diverse sono sia geografici sia climatici.

  • La temperatura varia notevolmente in base alla stagione, alla profondità e alla posizione geografica. Al di sotto dei 200-300 m di profondità la temperatura dell’acqua è costante e relativamente elevata se confrontata con quella atlantica (12.8°C nel Mediterraneo occidentale, 15,5°C in quello orientale e 2°C nell’Atlantico in zone a parità di latitudine). Mentre la temperatura delle acque superficiali varia dai 12°C circa in inverno a circa 27°C in estate. Nel Mediterraneo, quindi, trovano un habitat favorevole specie euribate ed euriterme (adattate a vivere a profondità e temperature variabili) e specie stenoterme di acque calde (adattate a vivere a temperature costanti calde).
  • L’intensa evaporazione, la scarsa piovosità e il limitato apporto fluviale determinano un equilibrio idrico negativo e una salinità elevata 37-39‰, superiore a quella Atlantica (36‰). Questo spiega perché le acque del Mediterraneo più dense fuoriescano con una corrente profonda dallo Stretto di Gibilterra.
  • Sono acque oligotrofe (povere di azoto e fosforo), più povere di nutrienti rispetto a quelle Atlantiche e questo, insieme alla ridotta massa di acqua, spiega il motivo per cui la biomassa mediterranea sia inferiore a quella atlantica.
  • Il fondale presenta una geomorfologia in grado di creare habitat molto diversi. I canyon, scavati dai fiumi a partire dalla “crisi di salinità” del Miocene, sono estremamente importanti poiché convogliano al mare i nutrienti provenienti da terra (erosione e trasporto fluviale). Inoltre, l’acqua che scende verso il fondale attraverso la gola del canyon fa risalire in superficie le acque profonde ossigenate e ricche di nutrienti (correnti verticali) che rimescolano la colonna d’acqua. Bacini anossici ipersalini profondi (oltre i 3300 m di profondità) ospitano archeobatteri, batteri dello zolfo e organismi della meiofauna (metazoi che vivono nei sedimenti). Zone di faglia e vulcaniche presentano batteri chemiosintetici e macroinvertebrati (bivalvi e vermi tubicoli)

Le-correnti-marine_html_m2353c44a

Tuttavia, come dice il Prof. Ferdinando Boero, è un mare fragile. L’aumento delle temperature e l’acidificazione delle acque, dovuto all’incremento di anidride carbonica e dell’effetto serra, non possono essere tamponati a lungo da un mare poco esteso e poco profondo come il Mediterraneo. Ogni variazione delle condizioni chimico-fisiche può fortemente alterare la distribuzione delle correnti mediterranee e rendere gli habitat inadatti alla vita delle specie animali e vegetali. Senza contare l’impatto della pesca e dell’acquacoltura. Diventa fondamentale una “alfabetizzazione marina”: non si può proteggere e rispettare quello che non si conosce.

Annunci

Informazioni su elenacosi

Insegnante di Scienze Naturali (Biologia, Chimica, Geologia, Astronomia) presso la scuola secondaria superiore
Questa voce è stata pubblicata in Biologia marina, Geologia e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...