Pilastro Andrea (2007), Sesso ed evoluzione. La straordinaria storia evolutiva della riproduzione sessuale. Bompiani, Collana “Dimensioni della Scienza”.

Quando si parla di sesso o si pensa ai rapporti maschi-femmine, la mente corre ad innumerevoli libri, telefilm e film che inviano, anche se in modi diversi, lo stesso messaggio: quello che pensa e desidera una donna, in fatto di rapporto di coppia, è ad anni luce di distanza da quello che pensa o desidera un uomo. Sembra una inconciliabilità senza possibile soluzione!

Ma proviamo  ad analizzare il sesso dal punto di vista scientifico, come ha fatto in maniera mirabile Andrea Pilastro in questo testo un poco impegnativo, ma decisamente illuminante perché fondato sul presupposto che nonostante la nostra cultura, intelligenza e abilità tecnologica, siamo animali come tutti gli altri.

Tra i due sessi c’è una asimmetria iniziale puramente biologica, più profonda del semplice dimorfismo sessuale: i gameti femminili sono pochi, grandi e ricchi di nutrimento per aumentare la probabilità di sopravvivenza della prole, mentre i  gameti maschili sono numerosi, piccoli ed efficienti nel trovare e nel fondersi con gameti dell’altro sesso. In pratica, produrre gameti, generare e accudire la prole è energeticamente più dispendioso per le femmine che per i maschi. Quindi, considerando la semplice spinta evolutiva a riprodursi e ad aumentare la propria fitness, i maschi che fanno gameti “poco costosi” e di solito offrono scarse cure parentali tendono ad accoppiarsi con il maggior numero di femmine possibili. Al contrario, le femmine che investono molte energie nella produzione di gameti “molto costosi” e nelle cure parentali, cercano  quell’unico maschio che ai loro occhi è il migliore, con i geni e le risorse necessarie per essere il migliore “padre e compagno”. Interessi evolutivamente opposti e conflittuali, come volevasi dimostrare!

Annunci

Informazioni su elenacosi

Insegnante di Scienze Naturali (Biologia, Chimica, Geologia, Astronomia) presso la scuola secondaria superiore
Questa voce è stata pubblicata in Biologia e Divulgazione scientifica e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...