Ball Philip – Elementi – Codice Edizioni 2007

Se vi chiedessero di spiegare che cosa è la materia, riuscireste a trasformare la vostra percezione quotidiana in una definizione rigorosa e unificante? Forse no, perché non è facile definire le cose che si danno per scontate. Tuttavia, dopo avere letto “Elementi” di Philip Ball, sapreste farlo di sicuro. Il testo, in cui si intrecciano storia della chimica, aneddoti su scienziati famosi, utilizzo pratico e influenza sulle civiltà umane di metalli o di procedimenti chimici più o meno consapevoli, ci restituisce il piacere di scoprire la vera natura di quello che siamo e che ci circonda.

Se la chimica vi sembra noiosa, il mistero dei segreti alchemici sarà anche per voi irresistibilmente eccitante. Io ho sempre ritenuto un tantino folle e magica l’idea di trasmutare il piombo in oro, e francamente non ho mai capito come gli alchimisti, che in fondo erano anche un po’ scienziati, potessero ritenerla possibile.  La spiegazione del nostro autore indica, invece, una certa razionalità. Il problema è che se si parte dai presupposti sbagliati, anche le conclusioni sono sbagliate e solo la conoscenza che deriva dalle prove sperimentali può allontanarci dagli errori dovuti ai nostri sensi e ai preconcetti culturali.

“I metalli, con l’eccezione del fluido mercurio, venivano considerati semplici forme della stessa “terra” aristotelica e non come elementi diversi. Siccome tutti i metalli avevano delle caratteristiche fisiche comuni sembrò del tutto naturale supporre che differissero solo di grado e di genere. Ciò fece nascere l’idea che i metalli maturassero nella terra, dall’opaco e sporco piombo fino al glorioso e scintillante oro. È il concetto chiave dell’alchimia: se i metalli si trasformano gli uni negli altri nel sottosuolo, allora l’alchimista può trovare il modo di accelerare artificialmente il processo e ottenere oro da metalli meno pregiati. Ma come? Utilizzando i miscugli più puri di zolfo e mercurio che creavano il Santo Graal dell’alchimia, la Pietra filosofale, di cui bastava una minima quantità per trasformare vili metalli in oro.” 

Volete la mia risposta alla domanda iniziale? La materia è la combinazione, più o meno complessa, degli elementi naturali ordinati nella Tavola Periodica degli Elementi dalla mente geniale di Mendeleev e dalle successive modifiche e arricchimenti dovuti al sacrificio e al paziente lavoro di tanti scienziati.

Annunci

Informazioni su elenacosi

Insegnante di Scienze Naturali (Biologia, Chimica, Geologia, Astronomia) presso la scuola secondaria superiore
Questa voce è stata pubblicata in Chimica e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...